SEFAPnews
24/09/2020

ASSOCIAZIONE TRA FARMACI ANTICOLINERGICI E BIOMARCATORI PER LA MALATTIA DI ALZHEIMER CON L’INCIDENZA DI DECADIMENTO COGNITIVO LIEVE IN ANZIANI COGNITIVAMENTE NORMALI

Neurology, pubblicato on line il 2 settembre 2020

I risultati di questo studio dimostrano che l'uso di farmaci anticolinergici in anziani cognitivamente normali, altamente istruiti e sani, è associato ad un aumento del rischio di progressione verso un decadimento cognitivo sia lieve che accelerato. Tale rischio risultava maggiore in presenza di biomarcatori per la malattia di Alzheimer.


continua a leggere...
21/09/2020

L'USO DEI GLUCOCORTICOIDI È ASSOCIATO A UN AUMENTO DEL RISCHIO DI IPERTENSIONE

Rheumatology, pubblicato on line il 27 giugno 2020

Questo studio ha rilevato che l'uso di glucocorticoidi era associato all’ipertensione incidente nei pazienti con artrite reumatoide, in particolare per dosi superiori a 7,5 mg. Dato che questi pazienti sono già esposti a un maggior rischio di malattie cardiovascolari, è importante che la loro pressione arteriosa sia costantemente monitorata e, ove necessario, ricevano un trattamento adeguato.


continua a leggere...
21/09/2020

RISCHIO DI ANEMIA CON L'USO DI METFORMINA NEL DIABETE DI TIPO 2: UNO STUDIO MASTERMIND

Diabetes Care, pubblicato on line il 14 agosto 2020

In questo studio, che ha incluso i dati di due differenti studi, si è dimostrato che metformina causa una riduzione precoce dell'emoglobina, e aumenta i tassi di anemia moderata.


continua a leggere...
21/09/2020

IMMUNIZZAZIONE MATERNA INFLUENZA A(H1N1) DURANTE LA GRAVIDANZA E RISCHIO DI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELLA PROLE: UNO STUDIO DI COORTE

Ann Intern Med, pubblicato on line l’1 settembre 2020

In questo ampio studio di coorte su base di popolazione, non è stata osservata alcuna associazione significativa tra la vaccinazione delle madri contro l'influenza A(H1N1) durante la gravidanza ed il rischio di disturbi dello spettro autistico nella prole.


continua a leggere...
03/08/2020

STATINE ED EVENTI AVVERSI MAGGIORI AGLI ARTI INFERIORI IN PAZIENTI CON MALATTIA VASCOLARE PERIFERICA: REVISIONE SISTEMATICA E METANALISI

Thromb Haemost 2020; 120:866-875

Questa e’ la prima metanalisi che studia l'effetto del trattamento con statine sugli eventi avversi maggiori agli arti inferiori nei pazienti con malattia vascolare periferica. E’ stato trovato che in questi pazienti trattati con statine, l'incidenza di tali eventi e’ ridotta del 30% rispetto ai pazienti non trattati. Inoltre, la terapia con statine ha anche mostrato una riduzione significativa della mortalita’ per tutte le cause (39%) e della mortalita’ cardiovascolare (41%), dell’end point cardiovascolare composito (34%) e dell'ictus ischemico (28%).


continua a leggere...
03/08/2020

USO DEGLI INIBITORI DEL CO-TRASPORTATORE SODIO-GLUCOSIO 2 E RISCHIO DI EVENTI RENALI GRAVI

BMJ 2020; 369:m1186

In questo studio di coorte condotto mediante l'utilizzo di registri nazionali in tre paesi, l'uso di inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio 2 è stato associato a un rischio minore dell’outcome principale composito di eventi renali gravi (costituito da terapia sostitutiva renale, morte per cause renali e ricovero ospedaliero per eventi renali) nelle analisi che utilizzano gli inibitori della dipeptidil peptidasi-4 come comparatore attivo.


continua a leggere...
01/07/2020

ASSOCIAZIONE TRA USO DI AZITROMICINA E MORTALITA’ CARDIOVASCOLARE

JAMA Netw Open 2020; 3:e208199

In questo studio di coorte su quasi 8 milioni di esposizioni ad antibiotici, è stato osservato un aumento statisticamente significativo del rischio relativo e assoluto di morte cardiovascolare associato all'uso di azitromicina rispetto ad amoxicillina entro 5 giorni dall’esposizione, ma non entro i 6-10 giorni. Questo studio ha anche riscontrato un aumento del rischio di morte non cardiovascolare e di mortalità per tutte le cause entro 5 giorni dall'esposizione tra gli individui a cui è stata prescritta azitromicina. Mentre l’aumento del rischio di morte cardiovascolare è coerente con i meccanismi proposti finora, non vi sono spiegazioni per l’aumento del rischio osservato per la mortalità per tutte le cause.


continua a leggere...
01/07/2020

ACCESSI IN PRONTO SOCCORSO E RICOVERO IN OSPEDALE PER EVENTI AVVERSI DA FARMACO IN ITALIA

Front Pharmacol, pubblicato online il 6 aprile 2020

Questo studio mirava a descrivere la frequenza e le caratteristiche cliniche degli eventi avversi da farmaci che hanno portato all’accesso in Pronto soccorso e al ricovero in ospedale di pazienti ambulatoriali in Italia. Sulla base delle evidenze qui riportate, i medici italiani dovrebbero essere consapevoli dei sottogruppi di popolazione e dei trattamenti farmacologici più frequentemente associati ad eventi avversi, tenendo conto del fatto che età avanzata, sesso femminile, esposizione a più di due farmaci concomitanti e trattamento con anticoagulanti, analgesici, agenti sedativi o ipnotici e antibatterici rappresentano fattori di rischio.


continua a leggere...
27/05/2020

EFFICACIA DEGLI INIBITORI SGLT-2 IN ANZIANI CON DIABETE: REVISIONE SISTEMATICA E METANALISI DI TRIAL DI OUTCOME CARDIOVASCOLARE

Diabetes Res Clin Pract, marzo 2020 9:108114

Questa metanalisi è il primo tentativo di stratificare per età l’efficacia delle gliflozine sugli eventi cardiovascolari maggiori in pazienti con diabete di tipo 2, e suggerisce un effetto simile nelle varie fasce di età.


continua a leggere...

ANALISI COSTO-EFFICACIA DEL TEST DI SCREENING FARMACOGENETICO MULTIGENE IN PAZIENTI CON SINDROME CORONARICA ACUTA DOPO UN INTERVENTO CORONARICO PERCUTANEO

Value Health 2020; 23:61-73

Circa 300.000 beneficiari Medicare, programma di assicurazione medica amministrato dal governo degli Stati Uniti, sono sottoposti ogni anno ad un intervento coronarico percutaneo per sindrome coronarica acuta. In questa analisi, un test multigene per guidare la selezione delle terapie anti-piastrinica e statinica e per determinare il dosaggio di warfarin in pazienti di età superiore a 65 anni sottoposti all’intervento è risultato associato a un numero maggiore di eventi evitati e al maggior guadagno in termini di anni di vita aggiustati per la qualità, rispetto al test sul singolo gene o agli standard di cura (nessuna genotipizzazione).


continua a leggere...

COMITATO EDITORIALE
Elena Tragni (responsabile scientifico)
Manuela Casula (responsabile editoriale)
Elena Loggia (segreteria editoriale)
Federica Bonaiti
Francesco Casizzi
Ornella Colpani
Noemi De Beni
Federica Galimberti
Marta Gazzotti
Elena Olmastroni
Davide Ornati
Disclaimer: i commenti riportati nelle notizie sono da ritenersi esclusivamente estratti dal lavoro degli stessi autori o da commenti proposti da esperti (editoriali...) e quindi non riconducibili all'opinione del Comitato editoriale.

Iscrizione newsletter