SEFAPnews
27/07/2021

INIBITORI DI POMPA PROTONICA E RISCHIO DI CANCRO COLORETTALE

Gut, pubblicato online l’1 luglio 2021

In questo studio, la somministrazione di inibitori di pompa protonica, rispetto agli antagonisti H2, non era associata con un aumentato rischio di cancro colorettale. E’ tuttavia emerso che l’uso prolungato potrebbe determinare un maggior rischio di questo tumore.


continua a leggere...
27/07/2021

USO DI INIBITORI DI POMPA PROTONICA E CLOPIDOGREL DOPO INTERVENTO CORONARICO PERCUTANEO E RISCHIO DI EVENTI AVVERSI CARDIOVASCOLARI MAGGIORI

Cardiovasc Drugs Ther, pubblicato online il 9 luglio 2021

I risultati di questo studio di coorte basato sulla popolazione mostrano che l’ampio gruppo di pazienti che usano gli inibitori di pompa protonica insieme a clopidogrel, in seguito ad un intervento coronarico percutaneo, sono a maggior rischio di eventi cardiovascolari gravi rispetto ai pazienti che utilizzano solo clopidogrel. I risultati supportano la raccomandazione di evitare, ove possibile, il ricorso agli inibitori di pompa protonica durante il trattamento con clopidogrel nei 12 mesi seguenti un intervento coronarico percutaneo.


continua a leggere...
27/07/2021

ASSOCIAZIONE TRA USO DI CONTRACCETTIVI ORMONALI E GLAUCOMA NELLE DONNE IN ETÀ FERTILE

Br J Clin Pharmacol, pubblicato online il 22 giugno 2021

I risultati del presente studio mostrano un aumento del rischio di glaucoma nelle utilizzatrici regolari e correnti di contraccettivi ormonali, nonostante questo rischio sia basso. Sono necessari ulteriori studi per confermare questi risultati.


continua a leggere...
27/07/2021

USO DI ANTIPSICOTICI DI SECONDA GENERAZIONE DURANTE LA GRAVIDANZA E RISCHIO DI MALFORMAZIONI CONGENITE

Eur J Clin Pharmacol, pubblicato online l'8 giugno 2021

In questo studio basato sui dati dei registri nazionali, l’uso di farmaci antipsicotici di seconda generazione durante le prime fasi della gravidanza non era associato ad un aumentato rischio di malformazioni congenite rispetto a gravidanze non esposte o a gravidanze in cui la donna faceva uso di antipsicotici di prima generazione. Dei singoli antipsicotici di seconda generazione, l’uso di olanzapina era associato ad un rischio di malformazioni aumentato di due volte e, nello specifico, a un rischio quasi quadruplicato di malformazioni muscoloscheletriche, rispetto alle donne non esposte. Fino a quando questi risultati non verranno confermati o confutati, olanzapina dovrebbe essere utilizzata durante la gravidanza solo in caso di assenza di alternative più sicure.


continua a leggere...

USO INAPPROPRIATO DI ANTIBIOTICI NELL'ERA DEL COVID-19: FATTORI ASSOCIATI A PRESCRIZIONI INAPPROPRIATE E COMPLICANZE SECONDARIE

PLoS One 2021; 16:e0251340

In questo studio, la prescrizione inappropriata di antibiotici in pazienti con COVID-19 è risultata molto alta; eta' piu' giovane, minore comorbilita' e presenza di tosse secca, sintomi simil-influenzali, febbre, infiltrati interstiziali bilaterali e aumento dei livelli di proteina C-reattiva erano fattori associati indipendentemente alle prescrizioni inappropriate.


continua a leggere...
27/07/2021

SICUREZZA DEI VACCINI UTILIZZATI PER L'IMMUNIZZAZIONE DI ROUTINE NEGLI STATI UNITI: UNA REVISIONE SISTEMATICA E META-ANALISI

Vaccine 2021; 39:3696-3716

Questa meta-analisi ha aggiornato una revisione sulla sicurezza dei vaccini pubblicata nel 2014. Questa valutazione approfondita non ha trovato evidenze di un aumento del rischio di eventi avversi gravi a seguito dell'esposizione ai vaccini, a parte alcune associazioni precedentemente note. La ricerca futura sulla sicurezza delle vaccinazioni deve tenere conto del panorama in espansione di nuovi vaccini e tecnologie vaccinali, e in particolare dei nuovi vaccini contro COVID-19.


continua a leggere...
27/07/2021

FARMACI CARDIOVASCOLARI ED ESITI CLINICI DA COVID-19: UNA REVISIONE SISTEMATICA E META-ANALISI

Br J Clin Pharmacol, pubblicato online il 7 giugno 2021

Nella presente revisione sistematica e meta-analisi si è valutata l’associazione tra l’uso di farmaci cardiovascolari (ACE-inibitori, sartani) e gli esiti clinici di COVID-19. I risultati ottenuti non hanno evidenziato nessuna correlazione e i pazienti dovrebbero continuare ad assumere questi farmaci.


continua a leggere...
27/07/2021

INTENSITÀ DELLA TERAPIA CON STATINE E SINTOMI MUSCOLARI: UNA NETWORK META-ANALISI

BMJ Open 2021; 11:e043714

Le statine possono causare sintomi muscolari, ma probabilmente i tassi di incidenza reali sono inferiori di quanto suggerito dagli studi osservazionali. Questa meta-analisi di trial ha riscontrato solo aumenti lievi ma significativi del rischio di problemi muscolari riportati dal paziente durante la terapia con statine ad alta intensità.


continua a leggere...
27/07/2021

USO DI STATINE ED EVENTI AVVERSI IN PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE PRIMARIA: UNA REVISIONE SISTEMATICA E META-ANALISI

BMJ 2021; 374:n1537

Questa ampia meta-analisi di 62 studi randomizzati controllati, con oltre 120.000 partecipanti, ha esaminato le associazioni tra statine ed eventi avversi negli adulti senza una storia di malattie cardiache e come queste variano in base al tipo e alla dose di farmaco. I risultati hanno evidenziato come le statine siano associate a un rischio lievemente aumentato di dolore muscolare auto-riferito, ma non a disturbi muscolari o diabete clinicamente confermati. L'analisi per tipo di statina ha mostrato che atorvastatina, lovastatina e rosuvastatina erano associate ad alcuni eventi avversi, come l’alterazione della funzionalità epatica, ma le differenze significative tra statine erano minime.


continua a leggere...
06/07/2021

FARMACOVIGILANZA COVID-19: IL GIUSTO RUOLO DEGLI ANTIBIOTICI

Fonte: Pharmaceutical Journal. 5 Maggio 2021


continua a leggere...

COMITATO EDITORIALE
Elena Tragni (responsabile scientifico)
Manuela Casula (responsabile editoriale)
Elena Loggia (segreteria editoriale)
Serena Bonomi Boseggia
Giorgia Carlucci
Ornella Colpani
Federica Galimberti
Marta Gazzotti
Giulia Molari
Elena Olmastroni
Disclaimer: i commenti riportati nelle notizie sono da ritenersi esclusivamente estratti dal lavoro degli stessi autori o da commenti proposti da esperti (editoriali...) e quindi non riconducibili all'opinione del Comitato editoriale.

Iscrizione newsletter