SEFAPnews

DEVIAZIONI NON VOLONTARIE DALLE LINEE GUIDA NEI PAZIENTI OSPEDALIZZATI CON DUE O PIÙ AGENTI ANTITROMBOTICI: UNO STUDIO DI INTERVENTO

Eur J Clin Pharmacol, pubblicato online il 28 luglio 2021

Questo studio ha mostrato che un numero significativo di pazienti ospedalizzati trattati con una combinazione di un anticoagulante ed almeno un altro agente antitrombotico è incorso in una deviazione involontaria dalle linee guida. Questa frequenza diminuiva in modo significativo dopo l’intervento di un farmacista. È fortemente raccomandato implementare una valutazione dei pazienti che usano un anticoagulante combinato con un altro agente antitrombotico per migliorare la sicurezza dei farmaci nei pazienti ricoverati.


continua a leggere...

TREND DI UTILIZZO DEGLI AGENTI MODIFICANTI IL PROFILO LIPIDICO IN 83 PAESI

Atherosclerosis 2021; 328:44-51

Tra il 2008 e il 2018, l'uso di agenti che modificano il profilo lipidico è aumentato a livello globale e le statine sono la classe di agenti più utilizzata. Tuttavia, a tre decenni dall'introduzione della prima statina, la loro adozione in Africa, Asia, America Latina e Caraibi rimane nettamente inferiore a quella del Nord America e dell'Europa.


continua a leggere...
28/09/2021

EFFETTO DI DAPAGLIFLOZIN SU ARITMIE VENTRICOLARI, ARRESTO CARDIACO O MORTE IMPROVVISA NELLO STUDIO DAPA-HF

Eur Heart J 2021, pubblicato online il 27 agosto 2021

In questa analisi post hoc, dapagliflozin ha ridotto il rischio dell’esito composito di aritmia ventricolare grave, arresto cardiaco e morte improvvisa nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta.


continua a leggere...
28/09/2021

USO DI COLCHICINA IN PAZIENTI CON MALATTIA CORONARICA CRONICA IN RELAZIONE ALLA PRESENZA DI SINDROME CORONARICA ACUTA PRECEDENTE

J Am Coll Cardiol 2021; 78:859–866

In questa nuova sotto-analisi dello studio LoDoCo2, l'agente antinfiammatorio colchicina era ugualmente efficace nel ridurre il rischio di eventi avversi cardiovascolari maggiori in pazienti senza sindrome coronarica acuta precedente, con sindrome coronarica acuta recente (6-24 mesi), remota (2-7 anni), o molto remota (>7 anni), senza interazione riscontrata tra i gruppi.


continua a leggere...
28/09/2021

BETA-BLOCCANTI NEL CANCRO MAMMARIO ALLO STADIO INIZIALE: UNA REVISIONE SISTEMATICA E METANALISI

ESMO Open 2021; 100066

I risultati della presente metanalisi hanno dimostrato che l’uso di beta-bloccanti era associato a una migliore sopravvivenza, libera da recidive, in pazienti con cancro alla mammella allo stadio iniziale, con un’associazione più pronunciata osservata nei soggetti con tumore al seno triplo negativo. Un trend a favore dell’uso di beta-bloccanti si è osservata anche in termini di prevenzione delle recidive e della mortalità specifica per questo tumore, mentre non sono stati dimostrati effetti sulla sopravvivenza globale. I beta-bloccanti si rivelano un’opzione promettente, sicura, economica e ampiamente disponibile, da combinarsi ai trattamenti standard e sperimentali, per pazienti con carcinoma mammario allo stadio iniziale.


continua a leggere...
28/09/2021

TERAPIE A COMBINAZIONE FISSA CON E SENZA ASPIRINA PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI: UNA METANALISI DI DATI INDIVIDUALI

Lancet, pubblicato online il 27 agosto 2021

Questa metanalisi di dati individuali fornisce evidenze provenienti da studi randomizzati per quantificare gli effetti di una strategia di trattamento a combinazione fissa sugli eventi cardiovascolari maggiori nella prevenzione cardiovascolare. Dall’analisi primaria è emerso che le strategie di combinazione a dose fissa hanno portato a una riduzione del rischio per le malattie cardiovascolari pari al 38%.


continua a leggere...
03/09/2021

ASSOCIAZIONE TRA ANTAGONISTI DEL RECETTORE PER L'INTERLEUCHINA-6 E MORTALITÀ TRA I PAZIENTI OSPEDALIZZATI PER COVID-19: UNA METANALISI

JAMA, pubblicato online il 6 luglio 2021

In questa metanalisi di 27 trial clinici randomizzati che ha esaminato 10.930 pazienti ricoverati per COVID-19, la somministrazione di antagonisti del recettore per l'interleuchina-6 era associata a una mortalità inferiore per tutte le cause a 28 giorni dalla randomizzazione.


continua a leggere...
03/09/2021

BASSO RISCHIO DI CANCRO E MORTALITÀ CORRELATI ALL’USO DI STATINE IN PAZIENTI CON SCOMPENSO CARDIACO

Eur Heart J, pubblicato online il 22 giugno 2021

In questo ampio studio di coorte su oltre 87.000 pazienti con insufficienza cardiaca, è stato dimostrato che l'uso di statine era indipendentemente associato a una diminuzione del 16% del rischio di sviluppare il cancro e del 26% del rischio di mortalità correlata al cancro. C'era qualche evidenza di una relazione dose-risposta: una durata maggiore del trattamento con statine era associata a un minor rischio di cancro e mortalità correlata al cancro rispetto all'uso a breve termine.


continua a leggere...
27/07/2021

INIBITORI DI POMPA PROTONICA E RISCHIO DI CANCRO COLORETTALE

Gut, pubblicato online l’1 luglio 2021

In questo studio, la somministrazione di inibitori di pompa protonica, rispetto agli antagonisti H2, non era associata con un aumentato rischio di cancro colorettale. E’ tuttavia emerso che l’uso prolungato potrebbe determinare un maggior rischio di questo tumore.


continua a leggere...
27/07/2021

USO DI INIBITORI DI POMPA PROTONICA E CLOPIDOGREL DOPO INTERVENTO CORONARICO PERCUTANEO E RISCHIO DI EVENTI AVVERSI CARDIOVASCOLARI MAGGIORI

Cardiovasc Drugs Ther, pubblicato online il 9 luglio 2021

I risultati di questo studio di coorte basato sulla popolazione mostrano che l’ampio gruppo di pazienti che usano gli inibitori di pompa protonica insieme a clopidogrel, in seguito ad un intervento coronarico percutaneo, sono a maggior rischio di eventi cardiovascolari gravi rispetto ai pazienti che utilizzano solo clopidogrel. I risultati supportano la raccomandazione di evitare, ove possibile, il ricorso agli inibitori di pompa protonica durante il trattamento con clopidogrel nei 12 mesi seguenti un intervento coronarico percutaneo.


continua a leggere...

COMITATO EDITORIALE
Elena Tragni (responsabile scientifico)
Manuela Casula (responsabile editoriale)
Elena Loggia (segreteria editoriale)
Serena Bonomi Boseggia
Giorgia Carlucci
Ornella Colpani
Federica Galimberti
Marta Gazzotti
Giulia Molari
Elena Olmastroni
Disclaimer: i commenti riportati nelle notizie sono da ritenersi esclusivamente estratti dal lavoro degli stessi autori o da commenti proposti da esperti (editoriali...) e quindi non riconducibili all'opinione del Comitato editoriale.

Iscrizione newsletter