SEFAPnews
05/11/2019

SICUREZZA DEGLI INIBITORI DI POMPA PROTONICA IN UN TRIAL RANDOMIZZATO SU PAZIENTI TRATTATI CON RIVAROXABAN O ASPIRINA

Gastroenterology 2019; 157:682-691.e2

Questo è il più grande trial sugli inibitori di pompa protonica per qualsiasi indicazione e il primo trial prospettico e randomizzato ad aver valutato la sicurezza a lungo termine riguardo questa terapia. È rassicurante che non ci siano evidenze di danno per la maggioranza degli eventi ad eccezione di un eccesso di infezioni enteriche. I dati, su un follow-up mediano di 3 anni, suggeriscono che la terapia con inibitori di pompa sia sicura e che la limitazione della prescrizione per timore di danni nel lungo termine non sia appropriata.


continua a leggere...
31/10/2019

USO DI ANTIBIOTICI ORALI E RISCHIO DI CANCRO COLON-RETTALE NEL REGNO UNITO, 1989-2012

Gut 2019; 68:1971-1978

In questa analisi, la più grande fino ad oggi sull’associazione tra uso di antibiotici e rischio di cancro al colon-retto, è stata mostrata un’associazione tra farmaco ed evento, con evidenze di un effetto dose-dipendente, ma l’entità del rischio era differente in base alla localizzazione anatomica del tumore.


continua a leggere...

PRESCRIZIONE DI FARMACI ANTIEPILETTICI A DONNE IN GRAVIDANZA

Pharmacoepidemiol Drug Saf, pubblicato on line il 13 settembre 2019

Questo studio di 10 anni ha messo in evidenza come dal 2007 al 2016 siano diminuite le prescrizioni di valproato per il trattamento dell'epilessia in gravidanza; allo stesso tempo sono aumentate le prescrizioni di pregabalin e gabapentin, i cui rischi per embrione o feto non sono ben noti. Le informazioni sui rischi associati all'esposizione a valproato durante la gravidanza dovrebbero continuare a essere ampiamente diffuse agli operatori sanitari e al contempo dovrebbero essere condotti studi su potenziali farmaci alternativi.


continua a leggere...
02/10/2019

EFFICACIA DI LINAGLIPTIN VS GLIMEPRIDE SUGLI ESITI CARDIOVASCOLARI MAGGIORI IN PAZIENTI CON DIABETE MELLITO DI TIPO 2

JAMA, pubblicato on line il 19 settembre 2019

In questo trial randomizzato, multicentrico, in doppio cieco, a lungo termine su individui con diabete di tipo 2 relativamente precoce e ad alto rischio cardiovascolare, il beneficio di linagiptin si è dimostrato non inferiore rispetto a glimepride per tre eventi cardiovascolari maggiori.


continua a leggere...
02/10/2019

EFFETTO SUGLI ESITI CARDIOVASCOLARI DELL’INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO CON STATINE PER LA PREVENZIONE PRIMARIA ALL'ETÀ DI 75 ANNI

Eur Heart J, pubblicato on line il 30 luglio 2019

In questo studio di coorte su base nazionale è stato dimostrato che in pazienti di 75 anni in prevenzione primaria precedentemente aderenti alla terapia con statine da almeno 2 anni, l'interruzione del trattamento con statine era associata ad un aumento del rischio di ricovero per evento cardiovascolare (+33%). Questa associazione era più forte per i ricoveri per eventi coronarici che per i ricoveri per eventi cerebrovascolari (aumento del rischio pari al 46% e 26%, rispettivamente).


continua a leggere...
02/10/2019

RIDOTTO RISCHIO DI CANCRO TRA GLI UTILIZZATORI DI ASPIRINA A BASSO DOSAGGIO

Pharmacoepidemiol Drug Saf 2019; 28:1258-1266

In questa coorte di beneficiari del sistema assicurativo nazionale francese seguita tra il 2006 e il 2015, l'uso di aspirina a bassa dose era associato a una riduzione del rischio globale di cancro e di morte a 10 anni e a un beneficio incrementale per ogni anno in più di utilizzo. Questo effetto è stato dimostrato nella popolazione generale in un contesto di real world, con 10 anni di follow-up e tenendo conto dei principali limiti metodologici dei precedenti studi osservazionali.


continua a leggere...
17/09/2019

CONTINUAZIONE DELLA TERAPIA CON ANTIDEPRESSIVI IN GRAVIDANZA E RISCHIO DI DIABETE GESTAZIONALE

Pharmacoepidemiol Drug Saf 2019; 28:1194-1203

Questo studio suggerisce che la continuazione dei farmaci antidepressivi in gravidanza non è associata a un maggior rischio di diabete gestazionale, con le possibili eccezioni di sertralina e venlafaxina. Oltre al rischio di diabete gestazionale, ci sono molti altri fattori che devono essere valutati per decidere se continuare o sospendere il trattamento con antidepressivi in gravidanza, inclusi altri effetti sulla salute dei bambini e sulla salute mentale della donna.


continua a leggere...
17/09/2019

INIBITORI DEL COTRASPORTATORE 2 DEL SODIO-GLUCOSIO E RISCHIO DI FRATTURE IN PAZIENTI CON DIABETE MELLITO DI TIPO 2

Diabetes Care 2019; 42:e150-e152

I risultati di questo ampio studio di coorte basato sulla popolazione indicano che l'uso di inibitori SGLT2 non è associato ad un aumento del rischio di fratture rispetto all'uso di inibitori DPP-4.


continua a leggere...
23/07/2019

SUPPLEMENTAZIONE DI VITAMINA D E RISCHIO DI MALATTIA CARDIOVASCOLARE: METANALISI DI TRIAL CLINICI RANDOMIZZATI

JAMA Cardiol, pubblicato on line il19 giugno 2019

La presente metanalisi di trial clinici randomizzati ha valutato l’associazione tra la supplementazione di vitamina D e il rischio di malattia cardiovascolare. Dai risultati si è osservato che tale supplementazione non è associata a riduzione del rischio di eventi cardiovascolari maggiori, di infarto miocardico, di ictus o di eventi cerebrovascolari, mortalità per CVD e mortalità per tutte le cause.


continua a leggere...
23/07/2019

ASPIRINA NELLA PREVENZIONE PRIMARIA CARDIOVASCOLARE

J Am Coll Cardiol 2019; 73:2915-2929

Questa metanalisi ha mostrato che aspirina non è associata a una riduzione di morte per tutte le cause o per cause non cardiovascolari, ma è associata a una modesta, seppur non statisticamente significativa, riduzione relativa del 7% di morte cardiovascolare. Aspirina (anche a dosi ≤100 mg/die) è associata ad una minore insorgenza di infarto miocardico, infarto miocardico non fatale, attacco ischemico transitorio e ictus ischemico; d’altra parte, l'uso di aspirina è associato ad un significativo aumento del rischio di eventi emorragici maggiori non fatali, indipendentemente dalla dose o dalle caratteristiche della popolazione, e non influenza l'incidenza del cancro o il rischio di morte per cancro entro un periodo mediano di follow-up di 6 anni.


continua a leggere...

COMITATO EDITORIALE
Elena Tragni (responsabile scientifico)
Manuela Casula (responsabile editoriale)
Elena Loggia (segreteria editoriale)
Luca Allevi
Mezio Taddeo Boccalari
Federica Bonaiti
Francesco Casizzi
Federica Galimberti
Marta Gazzotti
Elena Olmastroni
Davide Ornati
Disclaimer: i commenti riportati nelle notizie sono da ritenersi esclusivamente estratti dal lavoro degli stessi autori o da commenti proposti da esperti (editoriali...) e quindi non riconducibili all'opinione del Comitato editoriale.

Iscrizione newsletter